martedì, gennaio 09, 2007

Donne italiane: la visione di giovannibinet.blogspot.com

Io, ultimamente, provo poca stima per le donne italiane. Provo poca stima per quelle donne che non dicono niente, che non hanno interessi, che si inorgogliscono a fare shopping e a guardare qualche telefilm.
Che gli piace mostrarsi “insicure e fragili”, che quando vedono una faccia in televisione criticano le rughe, che sono invidiose di un paio di chiappe sode. Francamente, donne italiane, mi fate pena.
Mi fate pena quando viene eletto un governo di sinistra, che si porta con sé un migliaio di ministeri ma poi vi rifila le pari opportunitá e le politiche dei giovani. Le pari opportunitá, che insulto! Il ministero che per sua stessa logica di esistenza ammette che non siete pari, e non avete pari opportunitá. E voi? Niente.
Il vostro idolo è Simona Ventura, che tristezza. Ambizioni? Zero. Polemiche sociali? Scomparse. E pensare che, qualche decennio fa, lottavate per l’aborto. Adesso fate la fila a Intimissimi. Ogni tanto, criticate blandamente la televisone e la stampa per lo spazio che vi lascia, ma poi Maria de Filippi la considerate una donna vera.

Da bravo idiota che si rispetti, anche io mi sono fatto una mia idea di come è la situazione. Anzi, ho una vera e propria teoria a riguardo. Una teoria solida come un refolo di vento, utile come un fazzoletto usato. Si capisce. Ma io, di questa teoria, ne sono convinto. E la mia teoria dice che, in Italia, la donna attraversa tre fasi. Nella prima fase è un Oggetto. Estetico, da usare, principalmente a scopi pseudo-sessuali, come una calamita. Diciamo che la si usa al chilo, o al centimetro, come preferite. La sua importanza sociale è nulla, tutto ruota intorno al maschio.
Poi, d’incanto, la donna si sposa ed entra nella seconda fase, quella di Donna. Lí comincia ad assumere un minimo di importanza nella nostra societá, la si comincia a guardare come un essere umano, ci si stupisce che sia anche in grado di eseguire tutti i lavori ed i compiti che le vengono assegnati. Toh, delle volte è anche piú intelligente dei maschi, ma che strano.
Ad un certo punto ha un figlio, ed in quel momento diventa Mamma ed entra nella sua terza e definitiva fase. In questo momento, ha una sua ben definita posizione sociale, la cui importanza è riconosciuta universalmente, quanto il suo carisma e la sua utilitá. Diventa una vera e propria pietra angolare della nostra societá italiana.

Il problema, seguendo la mia sgangherata teoria, è che io mi ritrovo principalmente circondato da donne che stanno nella prima fase, quella Oggetto. E si comportano di conseguenza.
Ecco, è lí che non capisco. Ma non avete un po’ di amor proprio? Non vi arrabbiate mai di essere appese ai manifesti? Perché non vi fate sentire?

Mah.

20 Comments:

Blogger Ganassa said...

In Ritorno al futuro Doc disse:"Adesso mi dedicherò a studirae il più grande mistero della vita.... le DONNE"

1/09/2007 12:05 PM  
Anonymous dani said...

cerco di dirti con calma ciò che penso. le tue origini (sane e come le mie) sono troppo radicate e tu sei un perfetto esempio di maschilista doc. chissà magari un giorno riusciamo a fare una chiacchierata sana davanti ad una buona birra, sempre che una donna possa bere

1/09/2007 12:22 PM  
Blogger el Niño said...

A mio modesto parere, (e lo dico anch'io con calma), il giovi ha invece dimostrato quanto sia poco maschilista, con questo post. L'analisi fatta della donna italiana riflette solo qual'è la reale posizione delle signore nel Belpaese, e quanto sia triste che a loro vada bene cosi.

P.S. non solo le donne possono bere, ma anzi, per rimanere in tema "ma come si sono ridotte le italiane" ti dirò che al sabato sera sono più le donne ubriache degli uomini. se questà è parità dei sessi, ci siamo quasi.

1/09/2007 1:04 PM  
Blogger giovi said...

cara dani, mi piacerebbe sapere di quali origini parli.

ad ogni modo non so se questo post mi faccia maschilista, di certo quello di cui sento la mancanza é proprio di un po' di femminismo in italia. ecco, grazie, era proprio questa la parola che cercavo.

1/09/2007 1:17 PM  
Anonymous sandrina said...

Quindi chi non è nè sposa nè mamma viene automaticamente collocata nella prima fase, anche se non vede nella ventura un idolo..e non fa le code da Intimissimi?
tu in che fase ti collocheresti per curiosità? (anche gli uomini avranno della fasi no...?)

1/09/2007 1:25 PM  
Blogger giovi said...

sandra, per gli uomini non ti saprei dire, puó darsi che la situazione sia ancora piú drammatica: credo tuttavia che i problemi degli uomini italiani siano di un tipo diverso da quelli femminili.

In questo post parlo semplicemente del ruolo della donna nella societá italiana, della sua immagine attuale. Del fatto che non esistono donne di potere, per motivi diversi, e che voi donne non ve ne crucciate piú di tanto, mentre io invece sarei quanto meno incazzatissima e annoierei alla morte qualunque persona mi capitasse di incontrare con questo discorso.
Per favore, non ti fermare ad un discorso personale, ma guarda quello generale. E mi piacerebbe sapere se anche tu senti questo tipo di torpore che circonda la donna italiana. Dei molteplici difetti del maschio italiano (credimi, ce ne sono molti) ne parleremo un'altra volta.

1/09/2007 1:37 PM  
Blogger spiderfedix said...

cavolo che bomba è esplosa..
bene giovi, io credo che tu abbia in parte ragione, cioè, hai totalmente ragione quando ti chiedi il perchè di una mancata reazione femminile a tutto questo..tuttavia mi pare che purtroppo sia l'italia in generale a girare così.
la simpa maria de filippi, che un palo in c*** un giorno la colpisca, marcia su donne oggetto quanto su uomini oggetto, tamarri, ignoranti, fotografia di dove sta andando il Belpaese.
la donna diventa oggetto quando un elevato numero di persone con l'oggetto ci gioca e gli piace...l'uomo. anche a me piace vedere le fighe, però mi rendo conto che siamo nella merda.
siamo nella merda se tv, giornali, pubblicità ci propinano il fighissimo e la fighissima, sventolando la bellezza come primo e unico valore.
è sentimento comune e generalizzato, forse più femminile perchè la società ha imposto loro questa lotta per sopravvivere.
quindi a parer mio giusto puntare il dito sull'universo donna, se si abbassa completamente a questo, ma doveroso puntarlo anche su di noi maschietti...sempre più servi della gleba.
amen

1/09/2007 2:19 PM  
Blogger giovi said...

ganassa: puoi far di meglio come commento

el nigno: come mi capisci...

1/09/2007 10:14 PM  
Anonymous ale said...

Ciao giovi, hai perfettamente ragione. Una delle massime preoccupazioni delle italiane sono le chiappe sode e nessuno si incazza che ci sono donne inutili al governo.Quante delle donne che sono in politica sono delle professioniste?Forse una o due. La Gardini cos'é?La MElandri una grande professionista dello sport che certamente merita quel suo ministero sui giovani e le attivitá sportive????!!!Inutile.Poi se guardo tra le mie amiche ce ne sono tante che si sono giá sposate e giá fanno le pulizie per il marito e sono felici di fare le signore e di godersi un ricco appartamento regalato dai genitori...e presto inizieranno a organizzare canaste. E ti assicuro che le loro mamme (e ti giuro anche la mia lo sarebbe) sono molto fiere/felici di tutto ció.Le loro bimbe ormai mogli sistemate...magari nell'appartamento al piano di sotto.Forse la mia é un'impressione limitata.Prendila come una testimonianza...tra l'incazzato, frustrato e il"ma come si fa?".Ciao

1/10/2007 10:53 AM  
Blogger giovi said...

io peró non credo che ci sia da confondere con sposarsi e fare le pulizie.
credo anzi che le donne, cinquant'anni fa, avevano una immagine nella societá molto piú sana di quella che possano avere adesso, anche se sicuramente sono piú emancipate.
io sono preoccupato dalla passivitá con cui la donna italiana si lascia trattare come un oggetto, da come non rivendica i suoi diritti.

1/10/2007 11:58 AM  
Anonymous garo said...

SULLA NATURALE
SUPERIORITÀ DELLA DONNA
di Jacopo Fo, D. Triolo e M. Musicanti

"Il giorno che Dio creò la donna era
particolarmente in forma.
Gli è riuscita benissimo.
Le donne sono materne, buone, morbide,
sinuose, rotondeggianti.
Gli uomini hanno inventato la guerra,
lo schiavismo, la tortura.
Le donne hanno inventato l'agricoltura,
le lenzuola, la pasta al pomodoro.
Le femmine sono miti, gentili, tenere,
remissive, per questo si sono lasciate
sottomettere dai maschi.
Per millenni le femmine sono state
considerate esseri inferiori,
incapaci di intendere e volere,
fino al punto che non potevano possedere alcunchè,
o votare e non si pensava neppure
che avessero un'anima.
Poco più che animali.
È ora di ristabilire la verità.
Le donne sono meglio."

Sostenitore della DONNA...

1/10/2007 3:30 PM  
Anonymous Ale said...

Anche se 50 anni fa le donne non venivano fotografate nude ovunque, esse erano inferiori agli uomini!Non avevano molte possibilitá di contare nella societá se non che come mogli bene. E quando una ragazza di oggi mi dice che fa le pulizie per il marito penso che si porta appresso un po' di quella vecchia tradizione in cui le donne non sono individui ma femmine al servizio di un marito.Tra individui che si rispettano le cose si dividono o sifanno in due.
La donna giovane deve essere bellissima e poi deve saper fare le faccende di casa. Ecco i valori delle donne di una volta che tu trovi in quelle di oggi.E purtroppo anche io.
Quindi la passivitá delle donne e la loro partecipazione a questi modelli di donna tette/culo dipende dal fatto che esse si ritengono ancora inferiori agli uomini.Altrimenti la bellezza non sarebbe il valore piú importante e non sarebbero cosí attente alla sodezza del proprio culo o all'ultima moda in fatto di vestiti.Forse crederebbero di piú nel loro lavoro...chissá.Mi ha molto stupito l'esempio di quella ragazza che ha fatto l'isola dei famosi e che ha studiato alla bocconi. Certo una ragazza che crede in quello che fa e nella sua professionalitá! Lo stesso accade al governo...Non so se mi sono spiegata un po' meglio. Forse no. L'impegno c'é!Ciao

1/10/2007 4:57 PM  
Anonymous Anonimo said...

meno male che ci sono le donne non italiane nel mondo!! melissa

1/10/2007 11:17 PM  
Blogger giovi said...

ale, anzitutto firmati zanzetti almeno non sto sei ore a scervellarmi. comunque apprezzo il tuo tentativo di spiegarti, per quanto vano.
ad ogni modo dovresti tu, in mezzo alle tue donne, farti sentire.

e garo: pietosa questa tua maniera di accaparrarti favori femminili.

solo una cosa, quello che hai messo dice che le donne sono: materne, buone, morbide,sinuose, rotondeggianti.

guardo le modelle e le pubblicitá e non mi viene nessuno di questi aggettivi. c'é forse qualcosa che non va?

1/12/2007 11:30 AM  
Blogger Valentina said...

Ma perché generalizzare? E soprattutto, perché prendersela con qualcuno a cui magari piace la vita che fa' e la persona che è?

Io non credo che il problema di cui parli riguardi solo le donne, è una tendenza generale che coinvolge anche voi maschietti, non tutti, certo, come non tutte le donne!

Detto questo, ognuno fa' di se la persona che vuole essere e se c'è tanta gente che ambisce al culetto sodo e venera simona ventura, bhè, è triste, ma saranno anche cavoli loro!!

1/12/2007 2:17 PM  
Blogger Guerriere del Comma said...

Ciao! C'è anche quello che tu descrivi, inutile negarlo. E'vero che sempre più spesso la donna si comporta da uomo in gonnella e che, soprattutto in tv, è solo due tette e un culo. Ma il mondo per fortuna è vasto. Se una donna entra da Intimissimi o guarda Beautiful non significa necessariamente che non abbia altri interessi. E in ogni caso un ministero come le Pari Opportunità è necessario proprio perchè nel mondo non siamo considerate pari agli uomini e negarlo sarebbe un'iposcrisia.
Saluti

2/11/2008 6:39 PM  
Blogger Maria Teresa said...

Ah ah ah!!!
Già il tuo post mi fa un po' sorridere...la tua analisi sociologica mi sembra un po' troppo radicata nel senso comune!!!
Mi fa ridere essere considerata tra le donne in fila da intimissimi!!! Ah ah ah!!
Ma una cosa te la devo riconoscere: hai riflettuto sul mondo donna!! Si, è una bella schifezza, oggi non è facile essere donna, ti "regalano" le pari opportunità: ma non dovrebbe essere una cosa scontata? Ma fin quando ci saranno persone che pensano seriamente (tanto da pubblicare un post) che l'unico interesse delle donne è andare da intimissimi, come pensi che possano le donne avere qualche ruolo di prestigio?
Ma la cosa che mi fa sorridere di più è quello che hai scritto riguardo alla terza fase della donna, quella dell'essere madre!!
La mia identità, il mio carisma, il mio essere nel mondo sta nel mio cervello non nel mio UTERO!!!
Spero che anche per gli uomini sia simile anche se a volte quando "partoriscono" certe idee...

Ciao
MT

PS. Un consiglio spassionato: se sei circondato da "oggetti" cambia compagnia, vedrai che anche tra le donne single esiste qualche "persona"!!!

3/26/2008 10:14 AM  
Blogger giovi said...

Cara MT,

ti ringrazio per il commento.

Mi fa riflettere il fatto che questo post di piú di un anno fa continui periodicamente ad essere commentato: forse perché é un tema importante, io credo.

Spero di non averti offesa con le mie parole. Ma se l'ho fatto, in qualche modo ne sono contento perché questo vuol dire che allora qualche donna che non sia un oggetto c'é!!

Probabilmente nasce da una mancanza di chiarezza del post, ma trovo che tutte le risposte femminili siano del tipo: "ha ha! e dove sono quelle che non vanno da intimissimi e non idolatrano la ventura??"
giá, dove sono? dove siete?? uscite, fatevi sentire, urlate!! io vedo solo un gran grigiume.

Riguardo al mio circondarmi di non oggetti, accetto volentieri il tuo consiglio, anche se penso di averlo giá fatto circa cinque anni fa. Con la mia compagna.

3/26/2008 11:27 AM  
Blogger Maria Teresa said...

Ciao giovi,
il tuo post ha così successo perchè è molto provocatorio e come hai ben visto io mi faccio provocare ben volentieri!!!
L'ironia della sorte è che ho trovato il tuo post cercando su google la parola intimissimi!!!
Ah ah!!!!!
Ciao

MT

3/26/2008 8:11 PM  
Blogger giovi said...

Allora visto che anche tu fai la fila da intimissimi!!
Scherzo, non te la prendere... ad ogni modo grazie del commento: mi piacerebbe che, come te, le donne facessero meno le provocanti e si facessero provocare di piú.
Ciao

3/27/2008 10:43 AM  

Posta un commento

<< Home