domenica, settembre 17, 2006

campionesse del mondo!

la domenica comincia un po' così, con una sveglia a mezzogiorno e un cielo grigio. la pacchia è finita, la seconda estate che per tre settimane ci ha fatto sognare nei paesi bassi, penso proprio che sia finita.
mi alzo ed incredibilmente, questa volta, i postumi delle sei di mattina ad amsterdam non li sento tanto. forse perchè questa volta ho evitato la colazione a base di kebab.
bisogna inventarsi cosa fare, in questa domenica apatica. spulcio il programma dei miei amici cinesi, per vedere quali partite posso sbirciare. dopo un po' trovo la forza di andare verso il frigo, e lo svuoto di quello che rimaneva.
mi rimetto in postazione, sondando tra i cinesi e facendo partire il commento della radio italiana, così, per sentirmi a casa.
poi, al circa ottantesimo giro di canali in tv, arrivo su Sporza.
Sporza è un canale belga, belga fiammingo, non facciamo distinzione.
Sporza è da ieri che trasmette la Fed Cup, per i profani la coppa Davis delle donne. Per quelli proprio profanissmi, trattasi di una competizione di tennis annuale con squadre nazionali. In generale, è una competizione un po' sfigata per il tennis. Diciamo che i tennisti, che sono a tutti gli effetti dei liberi professionisti, non sempre hanno voglia di parteciparvi.
Mi ricordo qualche anno fa una diatriba del mitico Gaudenzi che mi pare che non gli rimborsavano il panino a pranzo e allora misse il muso, non andò a giocare, e da Faenza si vide la sconfitta azzurra.
Ma non è questo il punto.
Il punto è che la coppa Davis è una figata incredibile. Forse è il mio torneo preferito. Sono diverse le cose che me lo fanno piacere:
  • il tifo è caldissimo, sempre abbastanza corretto ma con bandieroni e sfottò all'avversario;
  • ci giocano degli scarsi incredibili, che poi però diventano dei fenomeni quando meno te l'aspetti;
  • l' italia ha spesso fatto la sua figura, a parte adesso che siamo in serie Q. ma comunque mò ci sono le donne che vanno forte;
  • si gioca anche in doppio;
  • ci potevo vedere giocare Gaudenzi ma soprattutto il fenomenale Diego Nargiso, uno che quando vede l'insalatiera non capisce più nulla e diventa un fenomeno del doppio. Ma soprattutto:
  • la davano sempre sulla rai. che quindi voleva dire con commento di galeazzi.
bisteccone è il mio mito, senza dubbio. lo è sempre stato, anche quando aveva una circonferenza un pelino inferiore e chiaccherava fondamentalmente da solo nella postazione del foro italico. bisteccone, per me, è il miglior giornalista sportivo. lui e stefano bizzotto, che provo un affetto quasi paterno per lui che lo mettono sempre a fare la bundesliga che sa il tedesco.
bisteccone galeazzi, dicevo, è il fantasista dei cronisti. ma lo è sul serio, non tipo mughini o altri. a bisteccone credo che il calcio non sia poi interessato mai più di tanto, anche se quando col cappellino faceva i servizi a novantesimo, beh anche lì lasciava il segno.
non parliamo poi del canotaggio, che quello lo ha fatto diventare famoso, che è un fenomeno. però devo dire che quando hanno cominciato ad imitarlo, a prenderlo un po' in giro, da un lato mi sentivo geloso di questa sua rinnovata popolarità, perchè per me lui è sempre stato un mito.

ma sto sviando. stavo parlando della Fed Cup su Sporza. E' la finale! e ci siamo noi, le italiane, contro le belghe. giocano in casa, li belgi, ma sti deficienti hanno scelto Charleroi, e non credo che ignorino che sia la sede della più grande comunità italiana in europa. comunità che poteva anche vantare il fifty ed aristotele. quindi ci sono degli invasati italiani in tribuna che, benchè in minoranza, riescono a fare sentire molto bene il po-po-po anche in televisione. ieri mi sono visto le prime due partite e oggi si ripartiva, fermi sull'uno a uno.
la situazione: al Belgio manca giunone Klijsters, la prosperosa fiamminga che però oggi si è degnata di venire a bordo campo, sfoggiando un braccio bionico ed un decolletè generoso. in compenso c'è la Henin, uno scricciolo piatto come una tavola da surf, ma dotato di un rovescio al bacio. io il tennis non lo guardo mai, ma quando lo guardo, lo guardo bene. e se sono le donne, adesso mi piace ancora di più. e non solo per le gonnelline. insomma sto belgio è leggermente favorito, se non altro perchè c'ha la justine henin che mi sa che è tra le prime tre del mondo. la danno in condizioni non ottimali, con ancora il jet lag (dopo una settimana???) da new york . il resto della squadra è una bella incognita, nel senso che possono essere delle seghe colossali. ed in effetti lo sono: carine, piccoline, ma veramente scarse.
l' italia invece ha una bella squadretta, vacca boia, bella solida. abbiamo ciclone schiavone, una che la guardi e pensi: quartieri spagnoli, sicuro. invece è di milano, che mi sa che si allenava dietro casa. la farina elia si è ritirata, tanta applicazione ma talento limitato. abbiamo la pennetta, che non è male, proprio per niente: c'ha il polso fasciato, dicono che ieri ha forzato contro la henin, peraltro vanamente. poi ce ne sono altre, che io non avevo mai visto giocare. la santangelo che è un po' la davenport de noatri: bella piazzata, alta, meccanica, ma con una potenza fuori categoria. poi c'è la vinci: belin che tette! gioca in doppio, non è male.
purtroppo non c'è diegone nargiso, ma tant'è.
la prima partita è henin- shiavone. se vinciamo la coppa fondamentalmente è nostra, ma la henin rispetta il pronostico, e spazza la scimmia schiavone in due set. nel mentre mi svacco sul divano, aggiungo a tennis in tele, partita sul pc, radio sugli altoparlanti un altra attività, mi leggo un libro.
il risultato è che leggo venti pagine che stasera le devo ripassare che non ho capito niente, la partita non so neanche qual' era e solo i cronisti della rai li riesco a seguire.
comunque capisco che la schiavone ha perso e mi appresto alla seconda.
santangelo contro un altro scricciolo belga. non gioca la pennetta perchè ieri ha forzato troppo, adesso è seduta in tribuna a fianco al moya, con dei salsiccioni in mano a far casino. fanno veramente un bel casino le panchinare. dopo i primi scambi mi chiama ale, stiamo li a contarcela su e la santangelo mi perde il primo set. verso metà secondo set ale è oramai sfinito dalla miriade di cazzate che gli dico, quindi posso dedicarmi al tennis.
e scopro che la belga è veramente una schiappa, ma che la santangelo è psicolabile. come peraltro la maggior parte dei giocatori fuori dai primi venti.

questa è una cosa che mi piace tantissimo del tennis. è un gioco di nervi, e di concentrazione. sta andando tutto bene e poi stai per chiudere il set e ti viene il braccino. che vuol dire che hai un po' paura di vincere. e il bello è che lo psicodramma è evidente a tutti, ma nessuno ci può far nulla. è una cosa che, devo dire, mi affascina. io stesso, quando giocavo a tennis, mi chiamavano schizzo. otre ad essere seriamente impedito, mi alteravo facilmente quando le cose non andavano. e questo accade veramente ad un sacco di giocatori, è una cosa fantastica secondo me.
morale la santangelo ci mette credo venti minuti a chiudere un game che, tutte le volte che mette il servizio in campo, fa punto. la piccola schiappa belga è solo uno sparring partner dello psicodramma della povera mara, che il pubblico la sta massacrando. barazzuti, il capitano, tenta di farla rimanere concentrata, credo anche con qualche bestemmia. che poi mi fa ridere che si chiami capitano, che mica gioca. e che è vestito come se dovesse prendere la racchetta in mano da un momento all'altro. finalmente la nostra mara vince sto game, poi anche il set e poi si pappa la belga con un 6-0 al terzo.

vado a fare la spesa, di fretta perchè comincia il doppio. la partita decisiva. con la disciplina più bistrattata del tennis moderno. mi sono deciso per un bel ragù, e nella dispensa trovo resti di taglietelle che fanno al caso mio. è tutto sincronizzato perchè io mangi con il terzo set davanti a me.
giocano le due belghe che hanno giocato oggi: non mi risulta proprio che la henin sia una doppista, e mi rifiuto di pensare che la schiappa belga diventi un fenomeno quando gioca in doppio. noi invece andiamo con la schiavone e la prosperosissima vinci. notevole, davvero.

metto il ragù a fuoco lento.
primo set per loro. secondo a noi. atmosfera rovente. butto la pasta. il ragù è divino, porca miseria mi sto trattando bene. poi ieri con l' arroz do mar anche lì proprio delizioso, heel lekker. inderdaad. comunque, set rovente. la justine la vedo in difficoltà, c'ha anche un braccio fasciato. alcuni scambi veramente mozzafiato, come solo il doppio riesce a regalare: dei veri flipper a rete. dopo uno di questi scambi la schiavone si gira verso la panchina e mima un gesto un po' equivoco in segno di esultanza, gesto che mi fa ricordare alcune sue performance rese immortali da un video.

scolo la pasta, e la divoro davanti ad un incontro sempre più appassionante e decisivo. ogni punto pesa. la belga, quella che non è la henin, è veramente una schiappa: mi spiace ribadirlo, ma è così. la henin si tocca il ginocchio fasciato, aia.
vedo moya a bordo campo con una bandierina in mano. inquadrano sempre o le zinne della klijsters o la pennetta con moya, francamente preferisco la brindisina con il suo chiffon alla moda.
andiamo avanti di un break nel terzo, ma la justine si tocca ancora il ginocchio e si getta tra le braccia del capitano belga, in lacrime. capiscono tutti che la partita è finita, tranne i tifosi belgi che fischiano: avranno bevuto troppe trappiste, mi pensu.

la fine non è spettacolare, le ragazze si salutano e si abbracciano a rete, ma poi scoppia la festa e siamo campioni di fed cup! lanciano barazzuti in aria, peraltro con scarsi risultati, mentre la schiavone si limona chiunque gli passa a tiro!
fantastico! e io sono lì ,che mi ascolto il commento in fiammingo, ma che nella mia mente sento bisteccone che mentre urla gli trema un po' la voce... campionesse del mondo...

1 Comments:

Blogger el Niño said...

è un risultato incredibile! la coppa davis non la vinceremo più, dai tempi di barazzutti giocatore, i nostri tennisti sono di anno in anno più scarsi... ma la fed cup è nostra,,, non so perché lo sport maschile ha sempre più risalto, ma alla fine, molte volte sono le donne a darci le soddisfazioni piu grandi! evviva l'italtennis!

ps mi hai preceduto, ma non appena ho una mezzoretta, un post su questa vittoria, lo butto giù anch'io!
ti voglio bene

9/18/2006 12:04 PM  

Posta un commento

<< Home